Apertura sale espositive: tutti i pomeriggi dal martedì al venerdì

epea03

[:it]epefbm_eventi300x425_3a – European Photo Exhibition Award

 “Confini sfuggenti”

 Viareggio, Villa Argentina

15 ottobre – 11 dicembre 2016

La palestra europea della fotografia

Iniziativa della Fondazione Banca del Monte di Lucca

in collaborazione con la Provincia di Lucca

 

Per ulteriori informazioni e immagini: www.fondazionebmlucca.it

www.studioesseci.net

E’ stata definita non a torto “la palestra europea della fotografia” perché epea03, cioè la terza edizione della European Photo Exhibition Award è l’esposizione fotografica itinerante frutto del lavoro di 12 giovani fotografi che, nei mesi scorsi, hanno percorso l’Europa, per interpretare con i loro scatti i cambiamenti più profondi, secondo il tema “Confini sfuggenti”. Ne è emersa una collettiva che raccoglie centinaia di immagini e installazioni capaci di focalizzare l’evoluzione dei territori europei, sia come un’unica entità che come stati singoli.

Grazie alla Fondazione Banca del Monte di Lucca, che ha fatto proprio il progetto europeo a sostegno dei giovani talenti, e grazie alla collaborazione con la Provincia di Lucca, la mostra dei lavori del 12 fotografi sarà esposta a Viareggio, Villa Argentina dal 15 ottobre all’11 dicembre, a ingresso libero.

I fotografi proposti per l’Italia, dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca, sono stati selezionati da Enrico Stefanelli, ideatore e anima del Photolux Festival.

I 12 fotografi scelti per questa edizione sono: Arianna Arcara (Italia), Pierfrancesco Celada (Italia), Marthe Aune Eriksen (Norvegia), Jakob Ganslmeier (Germania), Margarida Gouveia (Portogallo), Marie Hald (Danimarca), Dominic Hawgood (Regno Unito), Robin Hinsch (Germania), Ildikó Péter (Ungheria), Eivind H. Natvig (Norvegia), Marie Sommer (Francia) e Christina Werner (Austria), che provengono da 9 Paesi europei.

epea, mira a creare uno spazio libero in cui sviluppare temi socialmente rilevanti in materia europea, discussi da fotografi di talento che vivono e lavorano in Europa e che ancora si trovano all’inizio della loro carriera di  fotografi professionisti.

Uno dei modi migliori per percepire la storia europea è esaminare i suoi costanti e complessi cambiamenti e le trasformazioni, come sintomi di un processo dinamico di sviluppo che ha la tendenza non solo a rimodellare la realtà, ma anche le proprie idee e l’immagine. Non sorprende, quindi, che le recenti analisi della situazione europea contemporanea si siano concentrate sugli effetti delle maggiori trasformazioni che stanno avvenendo nella società: la transizione verso un’economia postindustriale, il forte aumento del flusso e delle reti di comunicazione e delle merci; l’aumento della mobilità delle persone, in particolare la ripresa del fenomeno dell’immigrazione (e la conseguente intensificazione del dibattito sulle condizioni di integrazione, ma anche di controllo e legalità); e gli effetti della globalizzazione economica, tecnologica e culturale. Questi sono solo alcuni esempi che rafforzano l’idea che ci troviamo di fronte a significativi (e in alcuni casi radicali) cambiamenti delle condizioni di vita e delle strutture sociali e culturali in Europa, una percezione che è stata recentemente accentuata dalla grave crisi economica e politica che ha avuto conseguenze devastanti per la società, che istigano nuovi fronti di frammentazione nello spazio europeo e l’emergere di nuovi tipi di fenomeni e di conflitto.

Villa Argentina – L’edificio è stato costruito nel 1921 su progetto di Francesco Luporini per ospitare attività commerciali e residenziali. Nel 1926, con il passaggio di proprietà a Francesca Racca Oytana, l’immobile venne ampliato e trasformato in villa e arricchito con le decorazioni di Galileo Chini sulle facciate (una delle maggiori testimonianze di ceramiche destinate all’architettura prodotte dalle Fornaci Chini di Borgo San Lorenzo). Un ulteriore ampliamento avvenne nel 1939 con la baronessa Arboreo di Sant’Elisa. Negli Anni ’60 la Villa divenne un hotel, mentre alla metà degli anni ’80 l’edificio era in stato di completo abbandono. Per impedirne la rovina l’edificio fu vincolato dal Ministero per i Beni Culturali nel’89. Nel 2001 la Provincia lo ha acquistato per 3 miliardi di lire.

epea è un progetto promosso da Fondazione Banca del Monte di Lucca insieme a Körber-Stiftung (Germania), Fondazione Calouste Gulbenkian – Délégation en France (Portogallo) e Fondazione Fritt Ord (Norvegia).

Dopo la prima tappa francese, nella sede della Fondazione Gulbenkian a Parigi fino al 28 agosto, e dopo quella italiana a Viareggio, l’importante esposizione fotografica approderà nel 2017 ad Amburgo e Oslo.

INFORMAZIONI

Per ulteriori informazioni sui fotografi, curatori e locali: www.epeaphoto.org, Facebook e Twitter.

Sede: Villa Argentina si trova all’angolo tra via Antonio Fratti e via Amerigo Vespucci, al n. 44 – 55049 Viareggio LU

Apertura: tutti i giorni (festivi compresi), salvo il lunedì, con il seguente orario: 10-13 (ultimo ingresso alle 12,30) e 15-18,30 (ultimo ingresso alle 18).

Ingresso gratuito

CONTATTI PER LA STAMPA

Ufficio stampa Fondazione Banca del Monte di Lucca

Anna Benedetto: cell. 347 4022986 anna.benedetto.lucca@gmail.com

Barbara Di Cesare: cell. 338 3080724 badicesare@gmail.com

In collaborazione con

Studio ESSECI – Sergio Campagnolo, Padova

Tel.+ 39 (0)49 663499

Referente: Roberta Barbaro, gestione3@studioesseci.net[:]